informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come non essere timidi: 10 consigli utili

Commenti disabilitati su Come non essere timidi: 10 consigli utili Studiare a Brescia

Tante persone dichiarano di essere timide. In effetti quello della timidezza è un problema assai diffuso. Sarà capitato anche a te, almeno una volta, di diventare rosso per l’imbarazzo o di aver provato un senso di vergogna nel dover parlare con persone estranee. Spesso gli studenti timidi hanno difficoltà ad affrontare gli esami orali proprio a causa di questo problema. Ecco quindi una guida, pensata dall’Università online Niccolò Cusano di Brescia, per scoprire come non essere timidi.

Vedremo che cos’è la timidezza e ti forniremo ben 10 consigli utili per affrontarla e gestirla. Ci auguriamo che i nostri suggerimenti ti siano utili per affrontare al meglio la vita universitaria e superare senza imbarazzo gli esami.

come non essere timidi ragazza insicura

Come non essere timidi: timidezza cos’è e come si manifesta

Il problema della timidezza ti affligge fin da bambino e questa cosa ti infastidisce?

Vorresti anche tu essere spigliato come i tuoi amici e poter parlare in pubblico senza diventare rosso come un peperone?

Se questo problema ti sta causando disagi seri e non ti consente di esprimere al meglio la tua persona, forse è il caso di mettere in atto alcuni utili suggerimenti che ti faranno scoprire come combattere la timidezza.

Prima di vedere come non essere timidi, cerchiamo di capire che cos’è la timidezza.

L’enciclopedia online Treccani definisce la timidezza in questo modo:

“atteggiamento abituale di chi è poco sicuro di sé, indeciso ed esitante, incerto nell’agire per soggezione, per timore del giudizio altrui.”

Come vedi, nella definizione del termine timidezza incontriamo i tratti tipici del carattere timido, ovvero essere indeciso e poco sicuro delle proprie capacità, la percezione di essere giudicati dagli altri, la paura di ciò che gli altri possano pensare di noi.

Esistono inoltre due categorie di timidi:

  1. timidi temporanei che soffrono di una timidezza periodica, generata da determinate situazioni e contesti
  2. sociofobi o grandi timidi che soffrono di una timidezza estrema, tale da annientarne la personalità.

Manifestazioni fisiologiche della timidezza

Come si manifesta la timidezza? Esistono delle chiare manifestazioni fisiologiche. Te ne elenchiamo alcune tra le principali:

  • disturbi della secrezione (esempio mancanza di saliva)
  • dilatazione dei vasi sanguigni (esempio rossore al viso)
  • disturbi della parola e della respirazione (esempio abbassamento di voce)
  • rigidezza muscolare (esempio movimenti involontari e facilità ad inciampare)
  • sudorazione eccessiva e spossamento.

Augurandoci che tu sia un timido temporaneo, passiamo finalmente a scoprire come migliorare la timidezza.

Consigli utili per combattere la timidezza

Ora che sappiamo che cos’è la timidezza e come si manifesta, passiamo al cuore pulsante della nostra guida e scopriamo come non essere timidi con dieci consigli da mettere in pratica.

Dare meno importanza al giudizio degli altri

La persona timida si preoccupa eccessivamente del pensiero che gli altri hanno di lei. Il timido ha paura di essere criticato e giudicato male. Per questo vuole sempre fare una buona impressione, anche se vive con la paura costante di non essere all’altezza.

Se sei un timido, inizia a dare meno importanza a quello che gli altri pensano di te.

Respirare profondamente

Il senso di agitazione dovuto alla timidezza può essere placato imparando a controllare la respirazione. Fare dei bei respiri profondi ti aiuterà ad assopire l’ansia e la paura di affrontare il confronto con gli altri.

Per imparare a controllare la respirazione, stenditi sul letto con le mani sull’addome. Respira profondamente con il naso e conta mentalmente fino a quattro. Prova ad ascoltare il tuo respiro e prendere consapevolezza dei  tuoi movimenti.

Esporsi gradualmente nelle situazioni

La timidezza spesso crea un blocco e la paura del giudizio non consente di esprimere le proprie opinioni e saperle difenderle davanti agli altri. Prova a superare la timidezza esprimendoti in maniera graduale e se hai paura di dire cose sbagliate perché ti senti inesperto, prova a porre delle domande e dimostrare interesse verso l’argomento. Sarà un ottimo modo per chiarirti dei dubbi e poter dire la tua opinione con più determinazione. Con il tempo arriverai a dire la tua su questioni più importanti e dimostrare chi sei e quanto vali.

Allenarsi a parlare

Per superare questo blocco nell’esposizione, devi allenarti a parlare. Come? Mettiti davanti ad uno specchio e immagina di parlare con una persona. Simula un dialogo come fosse un film, o immagina di dover coinvolgere delle persone. In questo modo riuscirai a controllare il senso di agitazione e ti sentirai preparato ad entrare in un contesto sociale nuovo e sconosciuto.

come non essere timidi coppia timida

Parlare con nuove persone

Anche se ti sembrerà impossibile, un buon metodo per migliorare la timidezza è proprio conoscere persone nuove. Inizia a frequentare luoghi, feste, occasioni in cui potrai facilmente conoscere persone nuove. Chiedi ad un amico più spigliato di presentarti qualcuno. In questo modo non dovrai approcciare da solo uno sconosciuto, avrai il supporto di un amico e ti verrà più naturale conoscere la nuova persona ed interagire gradualmente.

Mostrarsi gentili con gli altri

Quando una persona si rivolge a te con gentilezza, ti senti più a tuo agio e propenso ad interagire. Fai la stessa cosa: sii gentile con chi hai di fronte. Dimostra di apprezzare la persona con cui stai parlando e vedrai che anche la sua reazione sarà positiva. In questo modo sarà più facile scambiare due chiacchiere.

Usare la tecnica COCI

Finalmente hai conosciuto una persona nuova, ma non sai come sostenere una conversazione? Usa la tecnica COCI. Stimola quindi la conversazione con:

  • Cose in comune (parla di cose che vi accomunano)
  • Osservazioni (osserva l’ambiente che vi circonda e commenta qualcosa di interessante)
  • Condivisione (condividi un fatto che ti è accaduto recentemente)
  • Indagine (chiediti su quale aspetto della vita dell’altra persona potresti far domande)

Mettere in mostra i propri talenti

Spesso il timido è anche una persona di grande sensibilità e talento. Se ami l’arte, il cinema e sei appassionato di qualcosa, mostra i tuoi interessi ed il tuo talento. Commenta ad esempio un film che hai visto al cinema.

Risulterai interessante agli occhi degli altri e potrai intavolare una discussione su qualcosa dove sei esperto e quindi sicuro di te.

Spostare l’attenzione su altro

Se parlare proprio non fa per te e ti riesce difficile, prova a spostare l’attenzione su altro. Manifestando troppa timidezza, rischi di ottenere l’effetto opposto, ovvero attirare su di te l’attenzione di chi è al tuo fianco e ti sta ascoltando. Concentrati sull’attività che stai svolgendo, solo così l’attenzione non sarà sulla tua timidezza e tu saprai esporti al meglio.

Tollerare l’incerto

Avere tutto sotto controllo è tipico della persona timida. Organizzare, sapere cosa fare il giorno dopo non è sempre possibile. A volte devi affrontare la realtà, ovvero ammettere di non farcela a controllare tutto. La cosa migliore per sconfiggere la timidezza a volte è proprio lasciarsi andare ed accettare che l’incerto esiste.

Come non essere timidi: considerazioni finali

Ti riconosci nella descrizione della persona timida che abbiamo delineato in questa guida? In tal caso sappi che questi espedienti sono solo alcuni dei tanti modi per risolvere il problema della timidezza e capire come non essere timidi.

Prova a metterli in pratica e valuta se noti dei miglioramenti.

Quello che vogliamo fare è aiutarti a superare brillantemente ogni problema, per poter concludere al meglio il tuo percorso universitario presso l’Università telematica Unicusano.

Se sei uno studente di psicologia presso l’Università telematica Niccolò Cusano di Brescia, probabilmente saprai ancor di più come combattere la timidezza.

Inoltre, scopri come avere successo nella vita ritrovando la fiducia in te stesso.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali