informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Concorso notarile: ecco come funziona

Commenti disabilitati su Concorso notarile: ecco come funziona Studiare a Brescia

Se ti è capitato di comprare casa o richiedere un mutuo, o hai costituito una società, sicuramente ti sei trovato davanti ad un notaio. Quella del notaio è una figura professionale molto ambita, che desta non poca curiosità da parte dei nostri studenti e non solo.

In tanti infatti si chiedono cosa faccia il notaio e quali siano i passaggi per arrivare a ricoprire questo ruolo. Per questo, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ha ideato una breve guida per scoprire come funziona il concorso notarile.

Se sei curioso e vuoi saperne di più, ti consigliamo di continuare a leggere.

Notaio: chi è e cosa fa?

Prima di scoprire come funziona il concorso per diventare notaio, vediamo cosa significa svolgere la professione notarile. Ci sono pratiche burocratiche che richiedono la presenza del notaio al fine di tutelare le parti chiamate in causa. È il caso della sottoscrizione di un mutuo, di una donazione della casa, della costituzione di una società o della stesura di un testamento. In tutti questi casi possono insorgere ostacoli ed insidie determinate da leggi in continua evoluzione e non sempre facili da comprendere. Proprio per questo si richiede l’intervento del notaio, figura super partes che tutela, in egual misura, gli attori di tali pratiche ed atti.

Il notaio dunque non è altro che un pubblico ufficiale al quale lo Stato affida il potere di attribuire pubblica fede, ovvero valore di prova legale, agli atti che stipula.

Tutti, giudici compresi, devono presumere che ciò che viene attestato dal notaio corrisponda al vero (salvo i casi in cui sia accertato il reato di falso). L’atto notarile rappresenta un atto sicuro, valido e inattaccabile nel tempo.

Quali sono i requisiti per svolgere questo ruolo? Lo Stato richiede al notaio un’elevata conoscenza giuridica, garantita dal superamento di un concorso notarile pubblico. Tale concorso, come vedremo tra poco, è indetto e gestito direttamente dal Ministero della Giustizia e sottopone il notaio a continui controlli effettuati da organi dello Stato.

Funzioni e competenze del notaio

Vediamo brevemente quali sono le funzioni del notaio. La consulenza del notaio è fondamentale ed imprescindibile prima della stipulato di un atto. Egli si accerta personalmente della volontà delle persone che a lui si rivolgono al fine di preparare un atto conforme alla legge, idoneo ed economico.

L’atto notarile accerta la veridicità della provenienza dell’atto stesso, delle dichiarazioni delle parti in esso contenute e dei fatti riportati.

concorso notarile timbro

DepositPhoto.com/djedzura

Il concorso notarile: come si diventa notaio

Ora che abbiamo un’idea più precisa di cosa fa il notaio, passiamo al percorso necessario per svolgere questo mestiere. Potremmo suddividere tale percorso in tre fasi:

  1. laurea in giurisprudenza
  2. pratica in uno studio notarile per 18 mesi
  3. superamento del concorso pubblico

Il concorso pubblico per l’assegnazione di un numero programmato di sedi notarili viene bandito ogni anno dal Ministero della Giustizia. Il limite di età è fissato a 50 anni e si può partecipare al concorso, consegnando tutti gli elaborati, per un massimo di cinque volte.

Il concorso si svolge a livello nazionale a Roma e si compone di due prove:

  1. esame scritto
  2. esame orale

All’esame orale possono accedere solo i candidati che abbiano superato il primo esame scritto.

La commissione d’esame

La commissione esaminatrice è composta da:

  • un magistrato di cassazione, con funzioni direttive superiori, che la presiede
  • un magistrato idoneo alla nomina in cassazione, con funzioni di vice presidente
  • sette magistrati con qualifica di magistrato di appello
  • sei professori universitari, ordinari o associati, che insegnino materie giuridiche
  • nove notai che abbiano almeno dieci anni di anzianità nella professione

Le materie del concorso

Quali sono le materie oggetto d’esame? Iniziamo dall’esame scritto.

Questo si compone di tre prove teoriche-pratiche:

  1. atto di ultima volontà (testamento)
  2. atto tra vivi (diritto civile)
  3. atto tra vivi (diritto commerciale)

Le prove vengono valutate nel loro complesso dalla commissione esaminatrice.

Per quanto riguarda l’esame orale, sono previste tre prove distinte sui seguenti gruppi di materie:

  1. diritto civile, commerciale e volontaria giurisdizione, con particolare riguardo agli istituti giuridici in rapporto ai quali si esplica l’ufficio di notaio
  2. disposizioni sull’ordinamento del Notariato e degli archivi notarili
  3. disposizioni concernenti le imposte indirette

Una volta terminato il concorso, il Ministero di Giustizia stila la graduatoria dei candidati vincitori.

Ai candidati vincitori, il Ministero della Giustizia assegna infatti una sede in base alla graduatoria raggiunta. Qui il neo notaio è obbligato ad aprire un ufficio entro 3 mesi.

L’assegnazione della sede e la nomina avvengono mediante decreto del Direttore Generale della Giustizia Civile del Ministero e sono pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale.

Il Ministero di Giustizia fornisce al neo notaio il sigillo e lo strumento per apporre la firma digitale. Per tale motivo il notaio deve depositare la propria firma autografa accompagnata dall’impronta del sigillo presso il Consiglio Notarile di appartenenza. Il consiglio provvederà quindi a iscriverlo nel proprio ruolo.

Se l’argomento concorso pubblico ti interessa e sei uno studente iscritto alla nostra facoltà di economica, leggi anche come superare l’esame da commercialista.

Credits immagine: DepositPhoto.com/tashatuvango

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali