informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 cose che non sai di ingegneria biomedica

Commenti disabilitati su Le 5 cose che non sai di ingegneria biomedica Studiare a Brescia

Stai pensando di iscriverti all’Università e sei alla ricerca di maggiori informazioni sulla facoltà di ingegneria? In modo particolare, hai sentito parlare di ingegneria biomedica, ma ci sono ancora molte cose che vorresti sapere?

Quando si è ad un passo dall’iscrizione ad un corso di laurea universitario è sicuramente importante seguire le proprie ambizioni e i propri interessi.

Tuttavia è importante anche raccogliere informazioni su tutto ciò che può aiutare a compiere una scelta consapevole.

Se ti stai ponendo delle domande rispetto alla facoltà di ingegneria biomedica presso l’Università di Brescia Niccolò Cusano, sei nel posto giusto. Il nostro staff ha preparato infatti una guida alle 5 cose che non sai di ingegneria biomedica.

Curioso di saperne di più? In questo caso, ti consigliamo di continuare a leggere.

cose che non sai ingegneria biomedica diagnostica

DepositPhoto.com/ra2studio

Ingegneria biomedica: cos’è?

Quando si sceglie un corso di laurea, è importante prendere informazioni sul piano di studi, sull’ordinamento didattico, ma anche su vari aspetti collegati alla didattica.

Dalla modalità di insegnamento agli sbocchi lavorativi: tutto può esserci utile. Inoltre, quando si pensa alla facoltà di ingegneria, è bene sapere che esistono molteplici curricula tra cui scegliere. Presso il nostro ateneo online infatti, il corso di laurea in ingegneria biomedica è un curriculum del corso di laurea in ingegneria industriale. In maniera molto sintetica possiamo definire l’ingegneria biomedica come l’applicazione dei principi e delle tecniche dell’ingegneria alla biologia e alla medicina.

In particolare, l’ingegneria biomedica, o bioingegneria, si concentra su quei sistemi e progressi che possono apportare miglioramenti alla salute umana e all’assistenza sanitaria. Prova a pensare a dispositivi medici impiantabili come i pacemaker o gli arti artificiali. Pensa anche ai dispositivi diagnostici e di monitoraggio o a tecnologie futuristiche come la stampa 3D degli organi biologici. Tutto questo e molto altro rientra nell’ingegneria biomedica.

Come vedi di cose che non sai di ingegneria biomedica ce ne sono, probabilmente tante. Per questo vogliamo darti almeno 5 informazioni importanti su questo settore, che ti aiuteranno a saperne di più.

5 cose che non sai di ingegneria biomedica (e che dovresti sapere)

Cosa c’è da sapere prima di iscriversi a ingegneria biomedica?

Per rispondere a questa domanda abbiamo estrapolato almeno 5 cose fondamentali che tutti i futuri ingegneri biomedici dovrebbero sapere.

1 – Come nasce l’ingegneria biomedica?

Per prima cosa vogliamo dedicarci ad un aspetto per certi versi curioso. Ti sei mai chiesto come sia nata l’ingegneria biomedica? Questa disciplina ha una storia molto lunga. Pensa che tra i primi esempi di biomedicina potremmo annoverare una protesi di alluce in legno e pelle trovata su una mummia egiziana di circa 3.000 anni fa. Nel corso dei secoli, l’evoluzione della scienza e della tecnologia ha portato l’uomo a realizzare dispositivi sempre più efficaci, capaci di diagnosticare e curare malattie. Come vedi, parliamo di una disciplina con anni di studio alle spalle, in continua evoluzione.

2 – Cosa studia l’ingegneria biomedica?

Dalla storia alla pratica: quali sono gli argomenti e le materie oggetto di studio dell’ingegneria biomedica? Come per qualsiasi altro corso di ingegneria, alla base vi sono studi di matematica e scienza. L’ingegneria biomedica aggiunge a queste materie anche conoscenze mediche e scienze della vita. Senza di esse non sarebbe possibile capire come funzionano i sistemi biologici e come intervenire per risolvere eventuali problemi. L’ingegneria biomedica, come vedi, è un corso di laurea che potremmo definire interdisciplinare.

3 – Qual è il piano di studio?

Passiamo ora all’aspetto didattico, parlando del piano di studio. Come già detto, presso Unicusano, quindi anche a Brescia, è attivo il corso di laurea in ingegneria industriale – curriculum biomedico. Si tratta di un corso di laurea triennale erogato in modalità online, tramite la piattaforma e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In questo modo è possibile studiare da casa pur avendo la garanzia dell’assistenza da parte di tutor e professori. Per accedere occorre essere in possesso di diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all’estero e riconosciuto idoneo. È fondamentale la conoscenza degli argomenti di matematica, fisica, chimica normalmente sviluppati nelle scuole medie superiori.

4 – Quali sono gli bocchi professionali?

Quali sono gli sbocchi professionali per un laureato in ingegneria biomedica?

Il laureato in ingegneria biomedica acquisisce competenze relative a progettazione, fabbricazione e montaggio di componenti, programmazione e produzione. Ed ancora analisi e valutazione dei costi, controllo e collaudo dei materiali.

L’ingegnere laureato nell’indirizzo biomedico può operare in molteplici settori dell’industria tradizionale e in quella biomedicale. Può operare come gestore di dispositivi e sistemi medicali in sede ospedaliera. Ed ancora come specialista tecnico o di prodotto per la produzione o la commercializzazione di dispositivi e sistemi medicali in sede industriale.

5 – Quanto guadagna un ingegnere biomedico?

Terminiamo la nostra guida alle cose che non sai di ingegneria biomedica parlando dell’aspetto economico. Se aspiri a diventare un ingegnere biomedico, sappi che lo stipendio medio è di 37.500 € lordi all’anno (circa 1.930 € netti al mese), circa il +25% rispetto alla retribuzione mensile media in Italia. Si parte dunque da un minimo di 23.700 € lordi all’anno ad un massimo di circa i 105.000 € lordi all’anno.

Ora che abbiamo scoperto curiosità e possibilità offerte dalla laurea in ingegneria biomedica, leggi anche i nostri consigli per affrontare ingegneria con successo.

Credits immagine: DepositPhoto.com/etiamos

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali