informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Inventori famosi: i 10 geni della storia

Commenti disabilitati su Inventori famosi: i 10 geni della storia Studiare a Brescia

Tantissimi oggetti e strumenti che utilizziamo nella nostra vita quotidiana sono il frutto dello studio di menti geniali e delle fatiche di scienziati famosi. Sei curioso di sapere chi sono gli inventori famosi che hanno cambiato le nostre vite? Allora mettiti comodo e riscopri insieme a noi i 10 geni della storia.

In questa guida infatti, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ti svelerà, uno alla vota, chi sono gli inventori famosi che hanno segnato una svolta in vari campi, dalla medicina alla tecnologia, dalla fisica all’ingegneria.

Inventori famosi: ecco i 10 geni della storia da conoscere

Ti sei mai chiesto da dove provengono tante invenzioni e tanti strumenti ed oggetti che usi ogni giorno? Accendere la luce in casa o ascoltare la radio sono gesti o attività che facciamo in maniera scontata. Anche assumere medicinali per curare una malattia è abbastanza comune ormai. Ma cosa c’è dietro questi gesti? A chi attribuire la paternità di tali scoperte ed invenzioni?

Iniziamo il nostro viaggio nel tempo alla scoperta di 10 invenzioni italiane e non che dobbiamo assolutamente conoscere.

inventori famosi lampadina

Galileo Galilei

Tra gli inventori famosi italiani, Galileo Galilei è sicuramente uno dei più conosciuti anche tra i più giovani. Vissuto tra il 1564 ed il 1642, Galileo Galilei fu un fisico, matematico, astronomo e filosofo italiano, considerato il padre della scienza moderna e del metodo scientifico sperimentale basato sull’osservazione oggettiva della realtà.

A Galilei attribuiamo invenzioni e scoperte quali il perfezionamento del cannocchiale già costruito in Olanda, che egli utilizzò per la prima volta per osservare le stelle, e la teoria eliocentrica secondo la quale il Sole si trova al centro del sistema ed i pianeti gli girano attorno con un moto di rivoluzione.

Alexander Fleming

Dalla scienza alla medicina. Il secondo genio della storia di cui ci occupiamo è l’inventore britannico Alexander Fleming. Siamo nel 1928 quando il microbiologo Fleming, all’interno del suo laboratorio, a Londra, scopre il primo antibiotico, ovvero la penicillina. Fleming infatti, nel verificare lo stato di una coltura di batteri, notò una copertura di muffa. L’evento eccezionale fu il fatto che la muffa aveva annientato i batteri circostanti.

Con la scoperta della penicillina, Fleming ricevette il premio Nobel per la medicina nel 1944.

inventori famosi radio

Guglielmo Marconi

Torniamo agli inventori italiani. Nel nostro viaggio nel tempo non possiamo non citare Guglielmo Marconi, nato a Bologna nel 1874. Marconi è considerato oggi l’inventore della radio, ma le sue scoperte furono tante e molte di queste furono fatte durante i suoi esperimenti nel laboratorio allestito nella casa paterna di Bologna. Da giovanissimo realizzò le pile termoelettriche, basate sul principio della trasformazione del calore in elettricità e a soli 20 anni realizzò un rilevatore di fulmini.

La sua grande passione era la tecnologia. Per questo sviluppò la telegrafia senza fili che gli valse il premio Nobel per la fisica nel 1909.

Alan Turing

Restiamo nel Novecento, ma torniamo a Londra. Qui visse Alan Turing, matematico, logico e crittografo britannico, considerato uno dei fondatori dell’informatica e dell’intelligenza artificiale.

Tra le sue invenzioni c’è quella che oggi conosciamo come “la macchina di Turing”, conosciuta anche come “On Computable Numbers”.

Era il 1936 quando Turing presentò una macchina di calcolo logico, uno strumento impiegato nello studio degli algoritmi che anticipò il moderno computer.

Turing fu anche un brillante crittoanalista. Durante la seconda Guerra Mondiale, in Inghilterra, il matematico ebbe il compito di decifrare i messaggi scambiati da diplomatici e militari delle Potenze dell’Asse.

Turing morì suicida a 41 anni, forse a causa delle persecuzioni subite per la sua presunta omosessualità da parte del governo britannico.

Thomas Edison

Passiamo ora a Thomas Edison, nato nel 1847 nell’Ohio, considerato l’inventore della lampadina ad incandescenza.

Al suo genio e alla sua mente curiosa sono attribuite molte altre scoperte ed invenzioni, quali:

  • telegrafia duplex e quadruplex
  • registrazione automatica dei voti
  • mimeografo
  • fonografo
  • cinetoscopio
  • cinetofono
  • dittafono
  • tasimetro
  • sedia elettrica

Come è facile intuire, Edison aveva una mente geniale a cui si attribuiscono centinaia e centinaia di brevetti.

Henry Ford

Siamo nel Michigan, nel 1863, quando nasce Henry Ford, uno degli imprenditori più noti della storia. Da piccolo, grazie alla sua passione per gli orologi da tasca, si guadagnò la fama di riparatore di orologi.

Più che un genio, Ford fu, come già detto, un grande imprenditore. A lui si attribuisce la fondazione della Ford Motor Company, società produttrice di automobili, ancora oggi tra le maggiori case produttrici degli Stati Uniti e del mondo.

Chi non conosce la famosa la Ford T? Si tratta di auto semplice ed economica, realizzata solo nel colore nero. Fu la prima auto ad essere prodotta su grande scala.

George Stephenson

Restiamo nell’ambito dei trasporti e andiamo avanti con i nostri inventori famosi, ricordando George Stephenson, un ingegnere britannico, noto soprattutto per aver progettato la prima locomotiva a vapore chiamata Rocket.

Siamo agli inizi dell’Ottocento, negli anni della Rivoluzione industriale, e Sthepenson viene riconosciuto come padre delle ferrovie a vapore britanniche.

Questa invenzione rivoluzionò il sistema dei trasporti terrestri. Dai trasporti a trazione animale, si passava a quelli a trazione meccanica.

Antonio Meucci

Torniamo in Italia e passiamo all’invenzione di uno degli oggetti di cui oggi non potremmo mai fare a meno, il telefono.

Antonio Meucci è considerato l’inventore del telefono. Nel 1871 brevettò il telettrofono, un apparecchio che consentiva di comunicare a distanza e nello stesso anno fondò, insieme ad altri finanziatori italiani, la Telettrofono Company.  A New York, dove si era trasferito già nel 1850, le condizioni economiche precarie non gli permisero di rinnovare il brevetto della sua scoperta oltre il 1873. Meucci muore nel 1889. Nel 2012, esattamente 113 anni dopo la sua morte, il Congresso degli Stati Uniti ha riconosciuto a Meucci l’invenzione del telefono.

Edwin Howard Armstrong

Armostrong è stato uno scienziato statunitense, affascinato dalle scoperte di Marconi, inventore della radio-ricevitore eterodina (1913) e della modulazione di frequenza (1928-1933).

Nato nel 1890 a New York, Armstrong a soli 17 anni costruì la sua prima radio. Oggi è considerato l’inventore della radio FM, a modulazione di frequenza.

La sua ultima invenzione risalente al 1953 era un sistema per trasmissioni multiple in modulazione di frequenza su una stessa larghezza di onda (Multiplexing FM). Ciò permetteva che più di un programma potesse essere diffuso simultaneamente senza mutare lunghezza d’onda.

Douglas Carl Engelbart

Chiudiamo questo viaggio alla scoperta dei grandi inventori famosi con Douglas Carl Engelbart, nato a Portland nel 1925 e morto a Atherton nel 2013.

Stiamo parlando di un inventore statunitense, conosciuto per aver inventato, insieme a Bill English, il primo mouse.

Engelbart ha dato il via anche alle prime forme di interazione uomo-macchina ed è stato un precursore dell’interfaccia grafica.

A quel tempo, nel 1967, il primo mouse era un semplice blocco di legno che copriva due ruote di metallo. Questo modello non venne mai commercializzato.

Inventori famosi: conclusioni finali

Ti sei reso conto di quanti sacrifici e studi ci sono dietro ogni oggetto che utilizziamo? Trovi interessante sapere da dove provengono le grandi invenzioni dell’umanità?

Questo è stato solo un rapido viaggio nel tempo. Di scoperte e scienziati famosi ce ne sono davvero molti. Ti basti pensare a tutto ciò che utilizzi per studiare o per svagarti, dalla rete internet al tablet, dalla realtà aumentata agli effetti 3D. Pensa a tutte le evoluzioni che ci sono state negli anni e alla possibilità dei sistemi di comunicazione di oggi di abbattere i limiti spazio temporali.

Magari anche tu un giorno inventerai qualcosa in grado di rivoluzionare il mondo. Ad esempio, potrebbe essere utile scoprire come specializzarsi in ingegneria biomedica a Brescia. Richiedici informazioni per diventare uno studente dell’Università telematica Niccolò Cusano.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali