informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perizia assicurativa: cosa è e quando serve

Commenti disabilitati su Perizia assicurativa: cosa è e quando serve Studiare a Brescia

Se sei uno studente iscritto ad un corso di laurea online in economia dell’Università Niccolò Cusano di Brescia, potresti essere interessato a diventare un perito assicurativo. In questo caso non perdere la nostra guida sulla perizia assicurativa.

Nelle prossime righe ti spiegheremo cos’è una perizia assicurativa, in quali casi serve e come funziona.

Troverai inoltre indicazioni utili per sapere come diventare perito assicurativo dopo la laurea in economia.

Perizia assicurativa: cos’è

Iniziamo la nostra guida dicendo prima di tutto che cos’è la perizia assicurativa.

Possiamo dire che:

“con il termine perizia assicurativa si intende un documento redatto ed elaborato dalla figura professionale del perito assicurativo. Il perito viene nominato da una compagnia assicurativa a seguito di un incidente. Si tratta quindi di una relazione tecnica al cui interno sono contenute la ricostruzione della dinamica del sinistro e del fatto dannoso, ed una stima dei danni alle cose derivanti dall’accaduto stesso.”

In sintesi, con la perizia assicurativa ed una ricostruzione completa del fatto, è possibile determinare la dinamica di quanto accaduto ed individuare così le responsabilità tra le parti coinvolte, oltre ad una valutazione dei danni.

Perizia assicurativa: a cosa serve

Ora che abbiamo stabilito che cos’è la perizia assicurativa, cerchiamo di capire a cosa serve questo importante documento.

Abbiamo già detto che la perizia assicurativa viene redatta da un professionista competente, ovvero il perito assicurativo nominato dalla compagnia assicurativa.

Che cosa fa il perito assicurativo incaricato? Il perito assicurativo ha il compito di valutare e quantificare il danno per conto della compagnia al fine di formulare un’eventuale offerta di risarcimento.

Quindi il perito assicurativo viene chiamato in causa quando un soggetto subisce un danno coperto da assicurazione ed occorre avvalersi di un incaricato dell’assicurazione. Il perito deve avere le competenze giuste per stimare l’entità del danno subito dal soggetto assicurato.

La perizia assicurativa ha due obiettivi:

  1. individuare le cause che hanno determinato il danno, verificando se queste siano o meno coperte da polizza assicurativa;
  2. stimare l’entità dei danni subiti a cose e a persone coinvolte per poter disporre un risarcimento adeguato da parte della compagnia assicuratrice a favore del soggetto che ha subito il danno.

Perizia assicurativa: cosa fare in caso di incidente

Entriamo nello specifico di questa guida. Cerchiamo di capire ad esempio cosa fare in caso di incidente e che ruolo assume la perizia assicurativa in questo caso.

Quando si verifica un sinistro, l’automobilista ha il compito di informare la propria compagnia assicurativa entro 3 giorni dall’incidente. Si tratta di un limite temporale importante.

valutazione_danni_auto

Dopo i tre giorni, si corre il rischio che la compagnia assicurativa, per timore di una frode, rifiuti di risarcire il danno.

La compagnia assicurativa dall’altro lato ha il compito di nominare un perito assicurativo cui far eseguire la perizia entro e non oltre i 10 giorni dalla comunicazione del sinistro da parte del soggetto assicurato. Sulla base di quanto redatto dal perito assicurativo all’interno della perizia, la compagnia avrà il compito di formulare l’offerta di risarcimento al soggetto che ha subito il danno.

Il professionista chiamato a redigere la perizia assicurativa è indipendente dalla compagnia assicurativa e viene scelto tra i periti iscritti a CONSAP. Il suo compito dovrà essere svolto secondo i principi di trasparenza e correttezza.

Perizia assicurativa: la valutazione dei danni

Quando un perito viene nominato dalla compagnia per esaminare il sinistro, dovrà avere un quadro completo dell’accaduto. Per questo prenderà in esame anche una serie di documenti quali:

  • Modulo CAI completo
  • Dati personali dei soggetti coinvolti e di eventuali testimoni
  • Dichiarazioni di eventuali testimoni
  • Libretto di circolazione del veicolo (originale o copia)
  • Foto dei danni al veicolo
  • Preventivo o fattura di riparazione

Se oltre alle cose, il sinistro ha determinato danni anche alle persone, la perizia assicurativa dovrà esaminare e verificare tutti i controlli relativi allo stato di salute dei soggetti coinvolti che hanno riportato danni.

Il perito a quel punto determinerà l’entità del danno fisico e del relativo risarcimento rispetto a delle tabelle medico legali prestabilite.

perito_assicurativo

Le tempistiche di risarcimento dei danni del sinistro variano in base alla tipologia di danno denunciato e alla documentazione presentata in fase di denuncia dal soggetto leso.

Quando ci si trova davanti a casi in cui si sono verificati danni alle persone, i tempi di valutazione e risarcimento possono diventare effettivamente più lunghi. Questo succede perché bisogna disporre di tutta la documentazione completa relativa ai certificati medici di guarigione. I danni saranno periziati entro trenta giorni dalla consegna dei certificati. La valutazione avverrà sulla base di apposite tabelle che confrontano il danno con la relativa scala economica, in modo da stabilire l’ammontare del risarcimento spettante.

Non è raro che, prima di liquidare un danno, la compagnia assicurativa preferisca chiedere al perito assicurativo incaricato di procedere con un’ulteriore valutazione ed effettuare ulteriori controlli. Spesso infatti le compagnie assicurative sono state vittime di frode e vogliono essere certe della veridicità di quanto denunciato prima di erogare un risarcimento economico.

Il perito assicurativo: quali sono i suoi compiti

Ora che abbiamo ampiamente spiegato a cosa serve la perizia assicurativa, come funziona e come bisogna comportarsi in caso di sinistro, vediamo più nel dettaglio cosa fa un perito assicurativo.

Si tratta prima di tutto di un lavoratore indipendente con elevate conoscenze tecniche e legali. Ciò significa che non ha rapporti di dipendenza lavorativa con compagnie assicurative o con officine che riparano veicoli (non è il titolare, non è il gestore, tantomeno opera come meccanico).

Questo perché il perito assicurativo deve garantire la totale estraneità rispetto alle parti in causa ed operare in piena trasparenza ed onestà.

Quali sono i principali compiti di un perito assicurativo?

  • Visitare ed analizzare la scena dell’incidente
  • Intervistare testimoni ed esperti per raccogliere maggiori informazioni
  • Esaminare le richieste di risarcimento
  • Determinare la dinamica dell’incidente
  • Valutare e stimare i danni a cose e persone coinvolte e lese
  • Revisionare i rapporti relativi alla richiesta
  • Verificare la veridicità delle richieste di risarcimento
  • Scrivere la perizia assicurativa
  • Negoziare l’accordo con le parti

Iscrizione al Ruolo dei periti Assicurativi – CONSAP

In Italia per poter svolgere la professione di perito assicurativo è obbligatorio superare l’esame per perito assicurativo ed essere iscritti al relativo Albo professionale, in questo caso al Ruolo dei periti Assicurativi – CONSAP.

La CONSAP – Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici Spa –  come riportato sul sito stesso:

“svolge, in regime di concessione, servizi assicurativi pubblici volti, in linea di massima, alla copertura dei rischi della collettività non risarcibili dai normali meccanismi contrattuali”.

Attraverso il Ruolo dei periti Assicurativi, CONSAP detiene i dati dei soggetti abilitati a svolgere, in proprio, l’attività professionale di perito assicurativo.

È possibile inoltre consultare l’elenco degli iscritti al Ruolo dei periti Assicurativi secondo le seguenti criteri di ricerca:

  • nome e cognome;
  • numero di iscrizione al Ruolo;
  • regione o provincia della sede operativa.

Ora che sai cos’è una perizia assicurativa e come si svolge, potresti essere interessato a sapere qual è l’iter di studio per lavorare come perito assicurativo.

Se l’argomento ti interessa particolarmente e sei affascinato da questa professione, ti invitiamo ad approfondire sul nostro blog.

Troverai tutte le informazioni utili circa il percorso di studio da fare presso l’Università Niccolò Cusano di Brescia per diventare perito assicurativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali