informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Poeti italiani del 900: 5 nomi da ricordare

Commenti disabilitati su Poeti italiani del 900: 5 nomi da ricordare Studiare a Brescia

La cultura la conoscenza passano, in primis, dalla letteratura, ecco perché – seocndo lo staff dell’università online Niccolò Cusano di Brescia, i giovani necessitano di sapere chi siano i poeti italiani del 900 più rilevanti, quelli da conoscere assolutamente…
scrittori  del 900
Proprio per venire incontro a questa esigenza formativa (e, perché no, anche di curiosità), lo staff della Unicusano di Brescia ha deciso di fornire 5 nomi di poeti italiani del secolo scorso di cui vale la pena approfondire la conoscenza leggendo le loro opere, studiandole ed interiorizzandole.

Proprio alla base della nostra attuale cultura (nonché della nostra società) stanno le parole che per la prima volta gli scrittori  del 900 hanno messo su carta – testimoniando il cambiamento epocale a cui si stava assistendo.

Il ‘900, inoltre, è stato un secolo di grandi guerre e catastrofi ma – al contempo – di invenzioni formidabili che hanno permesso di modificare radicalmente le nostre vite. Proprio per questo va esplorato a fondo. E non solo: la memoria storica del ventesimo secolo non deve essere considerata come esaurita in quanto sono ancora i nostri nonni a poter raccontare – di prima mano – esperienze, difficoltà e rivoluzioni che hanno caratterizzato il periodo in questione.

La letteratura e la poesia, dunque, supportano i racconti e la tradizione orale e al tempo stesso aiutano a comprendere meglio la storia e i tanti avvenimenti che si sono affastellati nel corso dei cento anni da poco passati.

Ma quali sono i poeti che – più di altri – è importante conoscere per tratteggiare un quadro del ‘900 completo ed esaustivo? Ecco cinque nomi da conoscere assolutamente…

Poeti del 900 italiano: cinque nomi che hanno saputo raccontarne la storia

Pronti ad immergervi nei versi di questi poeti italiani contemporanei? Iniziamo subito…

Giuseppe Ungaretti

Il XX secolo è ricordato – nei libri di storia – per essere iniziato con una delle guerre più sanguinose che la storia dell’uomo ricorda: la Prima Guerra Mondiale (1914-1918). Le tragedie della Grande Guerra sono state raccontate da molti poeti del XX secolo tra cui Giuseppe Ungaretti.

Alcuni versi (come quelli che riporteremo di seguito) riescono a tratteggiare alla perfezione l’orrore della guerra e la devastazione che ha lasciato in Italia e in Europa.

Di queste case
non è rimasto
che qualche
brandello di muro
Di tanti
che mi corrispondevano
non è rimasto
neppure tanto
Ma nel cuore
nessuna croce manca
È il mio cuore
il paese più straziato

(Il porto sepolto, San Martino del Carso)

Salvatore Quasimodo

Esponente inizialmente dell’ermetismo, continuerà a scrivere le sue opere anche nel periodo del fascismo. Tra i versi più famosi ci sono quelli della poesia Ed è subito sera, pubblicata  proprio nel 1942.

Questi tre versi, tra i più conosciuti, sono l’emblema stesso dell’ermetismo e contribuiscono ad affermare la solitudine dell’uomo, lo strazio dato dalla mancanza di comunicazione e il senso della precarietà della vita. In un periodo come quello che precede la II guerra mondiale, questi versi – visti a posteriori – raccontano un malessere privato e, al tempo stesso, della società intera.

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

(Ed è subito sera)

Primo Levi

Ma l’orrore della Seconda Guerra Mondiale era alle porte e nessuno meglio di Primo Levi, ebreo italiano e partigiano antifascista, l’ha saputo esprimere in versi. Oltre alle poesie, il suo capolavoro – Se questo è un uomo – rappresenta una delle testimonianze più toccanti sul tema dell’olocausto.

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
considerate se questo è un uomo,
che lavora nel fango,
che non conosce pace,
che lotta per mezzo pane,
che muore per un sì o per un no…

(Shemà epigrafe in Se questo è un uomo)

Nazim Hikmet

Il poeta turco, naturalizzato polacco, è autore dei più bei versi d’amore che si possono trovare in poesia. Venuto a mancare nel giugno del 1963, Hikmet è stato reso immortale dalla sua raccolta di Poesie d’amore che contiene poesie scritte dal 1933 fino a poco prima della sua morte.

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

(Poesie d’amore)

Alda Merini

Non potevamo che concludere questo excursus in poesia con una delle poetesse italiane più amate, venuta a mancare solo pochi anni fa – nel 2009. Molte delle sue poesie sono dedicate alle donne, altre all’amore.


Ieri sera era amore,
io e te nella vita
fuggitivi e fuggiaschi
con un bacio e una bocca
come in un quadro astratto:
io e te innamorati
stupendamente accanto.
Io ti ho gemmato e l’ho detto:
ma questa mia emozione
si è spenta nelle parole.

(Ieri sera era amore, A Ettore)

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali