informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come gestire l’ansia pre sessione d’esame?

Commenti disabilitati su Come gestire l’ansia pre sessione d’esame? Studiare a Brescia

Troppi esami da sostenere, notti intere passate a studiare e senti ugualmente di non farcela? Se stai iniziando ad accusare una sensazione di malessere legata allo studio, fermati e trova un modo per recuperare la serenità persa. Probabilmente stai cominciando a soffrire di uno stato di ansia da esame che rischia di compromettere la tua carriera universitaria. Niente paura! In questa guida, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ti parlerà di come gestire l’ansia pre sessione d’esame. Con i nostri consigli, potrai tornare ad affrontare gli esami in tranquillità.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di continuare a leggere.

Ansia pre esame: come riconoscerla

Prima di capire come gestire l’ansia pre sessione d’esame e le migliori strategie per combatterla, parliamo del concetto stesso di ansia pre esame. In particolare cerchiamo di capire quali sono le cause dell’ansia e i sintomi attraverso i quali si manifesta, al fine di riconoscerli e combatterli.

Come gestire ansia pre sessione esame ragazza

DepositPhoto.com/fizkes

Cause dell’ansia

A tutti gli studenti, almeno una volta nella vita, sarà capitato di farsi prendere dall’ansia da esame. Le cause di questo disturbo possono essere molteplici. Finché si tratta di un caso sporadico e gestibile, non c’è da preoccuparsi. Se invece l’ansia comincia a divenire cronica, allora è il caso di intervenire e porvi rimedio. In questo secondo caso, è bene indagare sulle cause a monte del disturbo.

In generale l’ansia pre sessione d’esame è riconducibile alla cosiddetta ansia da prestazione. Si tratta di una forma di stress ed apprensione che si verifica in tutte quelle situazioni in cui ci sentiamo valutati dagli altrui.

L’ansia da prestazione quindi può colpire lo studente prima e durante l’esame, in quanto si ha la consapevolezza di essere giudicati per la propria preparazione. Lo studente inoltre sente che in quel momento verranno giudicati anche le proprie capacità personali e la sua intelligenza. Ciò innesca un meccanismo di pensiero tale per cui la propria autostima è legata al risultato ottenuto, dunque il voto positivo. Dietro questa paura dell’esame si celano quindi delle credenze che rendono insopportabile un possibile scenario negativo. Il fallimento di un esame universitario viene vissuto come una catastrofe che comprometterebbe la propria vita e creerebbe una delusione in se stessi e negli altri.

Sintomi dell’ansia da esame

Quali sono i sintomi con cui si manifesta l’ansia da esame? Come può lo studente riconoscere questa condizione e trovare un modo per alleviare tale sensazione? Se da un lato ci sono studenti che avvertono lievi stati d’ansia, dall’altro invece ci sono studenti che accusano sintomi più gravi. È il caso quindi di fare una panoramica di tutti i sintomi, anche i più seri. In questo modo possiamo dare ai nostri studenti la capacità di riconoscere il malessere e porvi rimedio quanto prima.

Solitamente lo studente ansioso si comporta in modo nervoso durante l’esame e può arrivare, nei casi più seri, a subire veri e propri attacchi di panico.

In generale, i sintomi dell’ansia da esame si distinguono in fisici, comportamentali, cognitivi ed emotivi.

Sintomi fisici dell’ansia

Tra i più comuni sintomi fisici vi sono mal di testa, diarrea, respiro veloce e affannoso, sudorazione e sensazione di testa vuota. In alcuni casi si determinano un’accelerazione del battito cardiaco e tremore, nausea fino all’attacco di panico.

Sintomi cognitivi e comportamentali

L’ansia da esame può generare sintomi comportamentali e cognitivi come il pensiero negativo, la difficoltà di concentrazione ed un’eccessiva distrazione. Tra questi sintomi rientrano anche l’irrequietezza o l’assoluta elusione delle situazioni di un esame. Nei casi più seri si verifica anche l’abbandono del percorso universitario. Nelle situazioni più estreme si arriva addirittura a far ricorso a sostanze quali farmaci, droghe o alcol nella convinzione che possano trattare l’ansia.

Sintomi emotivi

Depressione, calo dell’autostima, rabbia e sensazione di disperazione e malessere costante rientrano tra i sintomi emotivi di chi soffre di ansia da esame.

Lo studente che manifesta questi sintomi si sente impotente ed incapace di cambiare la situazione.

Per fortuna esistono metodi per alleviare questi sintoni e gestire l’ansia pre esame.

Come gestire ansia pre sessione esame ragazzo

DepositPhoto.com/dina_sidelnikov

Come gestire l’ansia pre sessione d’esame

Grazie a questa doverosa premessa, siamo riusciti a capire qualcosa di più rispetto alle cause e ai sintoni dell’ansia pre sessione d’esame. L’intento dello staff di Unicusano è quello però di dare una mano concreta agli studenti che vivono questa sensazione di malessere. Per questo abbiamo stilato una lista di consigli e strategie per imparare a gestire l’ansia e non farsi sopraffare da essa. Vediamo quindi come fare.

Organizzare lo studio

Per superare un esame è necessario studiare. Nulla di più banale, nulla di più vero. La chiave di tutto infatti risiede proprio nell’avere una buona preparazione. Il primo modo per gestire l’ansia pre sessione d’esame è organizzare in modo efficace lo studio ed il tempo a propria disposizione.

Cerca di individuare un tuo metodo di lavoro universitario che ti consentirà di organizzare al meglio il tuo studio. Prova ad esempio a pianificare la giornata ponendoti degli obiettivi quotidiani. Lavorare per step ti permetterà di tenere sotto controllo il lavoro svolto e le scadenze. In questo modo eviterai inutili paure ed acquisirai maggiore fiducia nel tuo operato e sicurezza del tuo livello di preparazione.

Prendersi cura di se stessi

Un buon metodo per gestire lo stress ed alleviare la sensazione di ansia che provi prima di un esame è quello di prenderti cura di te. Come? Cercando un modo per non farsi trascinare nel vortice della negatività.

Concentrati sui tuoi pensieri e prova a liberare la mente dando sfogo a ciò che ami fare, dallo sport agli hobby.

Qualche giorno prima dell’esame dedica qualche ora del tuo tempo per fare ciò che ti appassiona di più. Se ad esempio sei un tipo sportivo, prova ad allenarti o a fare una corsa in un parco per distrarti e liberarti da pensieri pesanti. Se ami la musica, indossa un paio di cuffie e concediti un’oretta sdraiato sul prato ad ascoltare il tuo artista preferito.

Prendersi cura di se stessi vuol dire anche condurre una vita regolare. Ricorda infatti che avere un ciclo del sonno regolare aiuta a mantenere la mente lucida e la concentrazione alta. Riposare bene è fondamentale per metabolizzare correttamente le informazioni ed essere sempre concentrato.

Smettere di rincorrere la perfezione

Quella della perfezione è una vera e propria trappola. Il vecchio detto “nessuno è perfetto” è pura realtà. Non ambire alla perfezione, piuttosto cerca di dare il meglio di te in ogni occasione e dimostrare a te stesso di esserti impegnato. Non sarà una collezione di 30 e lode a fare di te un “campione nella vita”. Tutti commettiamo errori e cadiamo a terra: ciò che conta è rialzarsi, rimediare all’errore e lavorare sodo.

Tecniche mindfuless

A proposito di suggerimenti su come gestire l’ansia pre sessione d’esame, negli ultimi anni la psicoterapia si è integrata con modelli di ultima generazione. Parliamo delle tecniche Mindfuless che si stanno rivelando particolarmente efficaci nella cura dell’ansia. Tecniche basate sulla meditazione, fondate su esercizi specifici che coinvolgono il corpo e l’attenzione. Il fine è coltivare l’abitudine alla consapevolezza per conseguire uno stato mentale più incline alla soddisfazione e alla felicità.

L’obiettivo è dunque conoscere se stessi e il mondo attorno per ciò che realmente sono, con capacità di accettazione. In questo modo impareremo a radicarci nel momento presente e procedere nella vita senza stress, un passo alla volta.

Ora che siamo giunti al termine della nostra guida, hai le idee più chiare su come gestire l’ansia pre sessione d’esame? Per saperne di più, leggi anche come combattere il burnout da studio.

Credits immagine: DepositPhoto.com/HayDmitriy

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali