informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una premessa per la tesi: consigli utili da seguire

Commenti disabilitati su Come scrivere una premessa per la tesi: consigli utili da seguire Studiare a Brescia

Scrivere la tesi di laurea è uno dei momenti cruciali nella vita di uno studente universitario. Lo sanno bene anche i nostri studenti dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ai quali vogliamo togliere ogni dubbio rispondendo ad una delle domande più frequenti che si pongono tutti i laureandi, ovvero, come si comincia una tesi di laurea? La risposta è apparentemente semplice. La maggior parte di noi direbbe dall’introduzione. Sicuramente è vero, ma sappiamo davvero tutti quanti come scrivere una premessa per la tesi in maniera corretta?

Nella nostra guida vedremo infatti alcuni consigli utili da seguire per scrivere correttamente l’introduzione della tesi di laurea e scopriremo anche qual è il momento giusto per scriverla.

Tesi di laurea: cos’è?

Prima di vedere come scrivere una premessa per la tesi di laurea, vogliamo fornirti una breve spiegazione di cos’è la tesi di laurea.

La tesi di laurea è un documento che lo studente universitario redige al termine del suo percorso universitario, concordando la tematica e la tipologia con il docente scelto come relatore. Al termine della sua redazione, lo studente discute la tesi di fronte ad una Commissione e solo alla fine della discussione verrà proclamato laureato.

Esistono due tipologie di tesi di laurea: la tesi compilativa e la tesi sperimentale.

La tesi compilativa (o curricolare) è una rielaborazione da parte dello studente di una raccolta di fonti e testi rispetto ad un argomento specifico. Lo studente crea una sintesi degli studi e delle letture effettuate e le presenta alla commissione.

Dall’altra parte, la tesi sperimentale o di ricerca è un intenso lavoro di ricerca sull’argomento scelto e ha lo scopo di presentare una propria ricerca per dimostrare aspetti innovativi ed originali rispetto all’argomento.

Come ogni documento, anche la tesi di laurea deve seguire una struttura rigida. Vediamo quali sono le parti di una tesi:

  • Introduzione
  • Indice
  • Corpo del testo
  • Conclusioni
  • Bibliografia e webgrafia
  • Appendici

Passiamo ora al fulcro della nostra guida, ovvero come si inizia una tesi, cioè come si scrive l’introduzione della tesi compilativa o sperimentale.

come scrivere una premessa tesi ragazza

Come scrivere la premessa di una tesi

L’errore più grave che tu possa commettere è sottovalutare la premessa della tua tesi di laurea. Sappi che si tratta della parte più letta della tesi. Per questo merita di essere scritta con particolare cura e nel momento giusto.

Iniziare la tesi dall’introduzione è un altro degli errori da non commettere quanto si scrive una tesi. Ti sorprenderà sapere che l’introduzione di una tesi deve essere scritta solitamente al termine del lavoro. Mano a mano che vedrai come si scrive una premessa della tesi, ti renderai conto da solo del motivo di questa affermazione.

Struttura introduzione tesi

Come suggerisce la parola stessa, l’introduzione ha il compito di introdurre il lavoro svolto, fornendo una sintesi chiara ed esaustiva del contenuto che si troverà al suo interno.

Cosa deve contenere la premessa di una tesi di laurea?

Per essere molto sintetici, questa parte deve contenere:

  • Obiettivi del lavoro
  • Metodologia e strumenti utilizzati

Nell’introduzione dovrai quindi:

  • chiarire quali obiettivi ti sei posto e a quali domande hai voluto dare risposta con la tua tesi
  • spiegare come hai svolto la tua tesi, ovvero quali metodologie di analisi hai messo in atto e con quali strumenti.

L’introduzione dovrà catturare l’interesse del lettore e dovrà dimostrare l’importanza del lavoro svolto. Sarà solamente tramite un’introduzione ben fatta che riuscirai a convincere il tuo lettore ad andare avanti e scoprire la validità di quanto hai scritto.

Un’introduzione corretta contiene quindi:

  • presentazione dell’oggetto scelto per la tesi
  • motivazione ed obiettivi del lavoro svolto
  • metodologia di ricerca applicata e strumenti di ricerca impiegati
  • breve descrizione della struttura di tutto l’elaborato
  • rapidi cenni alle conclusioni cui si è giunti con il lavoro condotto

Come presentare l’oggetto della tesi

Dovrai presentare l’oggetto della tua tesi in maniera sintetica e chiara, approfittando delle prime righe dell’introduzione che sono fondamentali perché danno l’impronta al tuo elaborato.

Qui dovrai esprimere i concetti chiave della tua tesi in modo comprensibile.

Raccontare motivazione ed obiettivi del lavoro

Una volta presentato l’argomento, dovrai spiegare perché hai voluto approfondire questo tema e presentare gli obiettivi del tuo lavoro di ricerca.

Metti in mostra la rilevanza scientifica della tua ricerca di studio.

Metodologia di ricerca e strumenti di ricerca

In questa fase spiegherai l’approccio usato per analizzare l’argomento e le tecniche di ricerca impiegate. Dimostra che gli strumenti ed i metodi utilizzati sono stati scelti in quanto si sono dimostrati i migliori rispetto ai tuoi obiettivi di ricerca.

Descrivere la struttura dell’elaborato

Fornisci una breve descrizione della struttura della ricerca presentando le parti più importanti e la linea logica usata nella stesura dell’intero lavoro.

Cerca di dare una descrizione brevissima di ogni capitolo.

Brevi cenni alle conclusioni

Termina la tua introduzione accennando alle conclusioni cui sei giunto grazie al tuo studio. Anche in questo caso, non dilungarti troppo, ma cerca di incuriosire e dimostrare la validità della tua tesi.

come scrivere una premessa tesi ragazza portatile

Consigli pratici per scrivere un’introduzione corretta

Ora che sappiamo quali sono gli elementi che compongono l’introduzione di una tesi di laurea, vediamo qualche consiglio pratico per scrivere un’introduzione corretta.

Partiamo dalla lunghezza della tesi, che è una delle domande più frequenti che gli studenti si pongono. Se ti stai chiedendo quanto deve essere lunga l’introduzione della tesi, sappi che non ci sono regole precise. Solitamente due pagine è la lunghezza ideale.

Non dilungarti troppo nel fornire informazioni troppo approfondite. È importante scrivere solo ciò che aiuterà ad introdurre l’argomento della tesi in modo esaustivo.

Cerca di essere sintetico, ma chiaro. Il tuo scopo è interessare e coinvolgere, facendo capire chiaramente di cosa parlerai all’interno del tuo lavoro.

Evidenzia, specie nella parte finale dell’introduzione della tesi, i punti di forza del tuo lavoro e i risultati che hai raggiunto con la tua ricerca.

Evita di usare paroloni e giri di parole inutili, l’introduzione deve invogliare alla lettura.

Chiarezza, sintesi e capacità di coinvolgere ed interessare: ricordati questi concetti perché ti saranno utili anche in fase di discussione della tesi davanti alla commissione di laurea.

Quando scrivere la premessa di una tesi?

Ora che sai come si scrive una premessa per la tesi di laurea, hai capito anche qual è il momento giusto per scriverla? La premessa di una tesi si scrive alla fine! Si, hai capito bene. Una volta che il lavoro sarà completato, potrai scrivere l’introduzione.

Ti diamo questo suggerimento perché, solo al termine del lavoro, avrai davvero le idee chiare su quanto hai esposto nel tuo documento, dei punti salienti che hai affrontato e delle conclusioni cui sei giunto.

Solo alla fine disporrai di tutte le informazioni utili per scrivere una premessa tesi di successo che sarà apprezzata dall’intera commissione di laurea.

Premessa tesi: considerazioni finali

Hai finalmente le idee più chiare su cos’è una tesi di laurea, come scrivere la premessa e perché è così importante?

Siamo riusciti ad aiutarti? Se è così, sei pronto per iniziare davvero a scrivere una tesi di successo.

Se desideri saperne di più in fatto di tesi, leggi anche il nostro approfondimento su come scrivere il sommario di una tesi.

Se invece la discussione della tesi è un traguardo ancora lontano e stai iniziando a scegliere il tuo percorso di studi, scopri tutti corsi di laurea proposti dall’Università online Unicusano.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali