informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Qual è la differenza tra liceo e università? Ecco come cambierà il tuo modo di studiare

Commenti disabilitati su Qual è la differenza tra liceo e università? Ecco come cambierà il tuo modo di studiare Studiare a Brescia

Hai terminato da qualche mese gli esami di maturità e stai per iniziare il tuo primo anno da matricola universitaria? Se la tua mente sta per essere assalita da dubbi su cosa ti si sta per prospettare, sappi che è lecito porsi domande di questo tipo. In fondo il passaggio dal liceo all’università è una tappa importante nella vita di un giovane studente e avere paura è normale. Per questo lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ha pensato di realizzare una guida sulla differenza tra liceo e università.

In particolare ci soffermeremo su come cambierà il modo di studiare.

Per saperne di più, ti consigliamo di proseguire con la lettura.

differenza tra liceo e universita studenteDifferenza tra liceo e università: cosa aspettarsi?

Tra liceo e università ci sono molteplici differenze. In questo approfondimento lo staff di Unicusano ti spiegherà le maggiori differenze che distinguono le scuole superiori dall’università. Niente paura! Vedrai che tutto ciò che ti diremo ti aiuterà ad affrontare al meglio il passaggio alla vita universitaria e, nel giro di pochi mesi, sarai una matricola perfetta.

Cosa cambia tra liceo e università? Scopriamolo insieme, concentrandoci almeno su cinque differenze più evidenti che ti faranno aprire gli occhi sul mondo universitario.

Frequenza obbligatoria e frequenza facoltativa

La prima grande differenza tra liceo e università risiede nel ritmo delle lezioni e quindi nell’organizzazione dei programmi di studio.

In generale, gli studenti che frequentano la scuola (dalle elementari alle scuole superiori) sono obbligati a frequentare le lezioni presso la propria classe. In linea di massima gli studenti raggiungono la scuola alle 8 della mattina e vi restano per diverse ore. All’università è tutta un’altra musica. Le lezioni si svolgono in orari e luoghi differenti e non tutti gli atenei e i corsi di studio prevedono la frequenza obbligatoria. In molti casi infatti la frequenza è facoltativa. Nel caso degli atenei online come Unicusano, la situazione cambia ulteriormente. Nel nostro caso infatti gli studenti hanno accesso ad una piattaforma online, attiva 24 ore su 24, e da qui scaricano tutti i materiali e le lezioni necessari al superamento degli esami.

Interrogazioni ed esami

Abbiamo appena usato la parola esami. Ecco l’altra grande differenza tra liceo e università. Se al liceo eri abituato alle interrogazioni, all’università invece si sostengono gli esami. In pratica passerai dal dover essere preparato ogni giorno su tutte le materie al prepararti per una data specifica. In questo modo i ritmi di studio non sono più dettati dall’orario della settimana, ma saranno gestiti in autonomia dallo studente stesso. A tal proposito, ti consigliamo di non rimandare troppo lo studio, tanto meno di anticiparlo di mesi. Quello che devi fare è studiare un tanto al giorno in modo da arrivare preparato all’esame.

Capitoli e argomenti

Restando sempre in tema di esami universitari contro interrogazioni scolastiche, ci troviamo di fronte alla terza grande differenza: capitoli contro argomenti. Se ci pensi bene, al liceo il professore solitamente interroga gli studenti solo su determinati capitoli oggetto di studio in quel momento. In generale, potremmo dire che alle superiori sapevamo cosa ci avrebbe chiesto il professore e quali sarebbero stati gli argomenti di una prova scritta. Nel passaggio all’università scoprirai che non si studia per capitoli, ma per argomenti. Per questo sarà compito dello studente, non solo studiare i libri interi previsti dal piano di studi, ma anche approfondire le tematiche su altri libri o appunti. Se ti iscriverai a facoltà come quella di ingegneria a Brescia, il concetto ti sarà ancora più chiaro.

Ambiente familiare e “perfetti sconosciuti”

Non vogliamo spaventarti ma, hai mai pensato che all’università non ti conosce nessuno? Quando si inizia il liceo solitamente i primi giorni di scuola sono dedicati all’orientamento. Ciò significa conoscere i compagni di classe e i professori che ci accompagneranno in questo lungo percorso. La nascita di un ambiente familiare porta i professori a conoscere gli studenti e a capire che tipo di persone sono. All’università invece il professore non ti conosce e probabilmente ti vedrà per la prima volta in sede di esame. Come si traduce questo nella pratica? Nella pratica ciò significa che se il professore a scuola può avere un atteggiamento comprensivo rispetto al comportamento e alla preparazione di uno studente, all’università ciò non accade. Nell’arco di un quarto d’ora, il docente o l’assistente dovranno valutare il tuo livello di preparazione, senza conoscerti personalmente. Al docente interessa che tu risponda adeguatamente alle domande fatte e non ha modo o tempo di valutare se sei una persona che si impegna con costanza o meno. Il tuo compito è dimostrare con i fatti la tua preparazione, perché non esistono scuse o chiacchiere consolatorie.

differenza tra liceo e universita professore

Dipendenza e autonomia

Se ti stai chiedendo cosa fare dopo il liceo con domande del tipo “dove andrò a vivere”, vuol dire che hai già capito che l’università vuol dire autonomia. Un’altra evidente differenza tra liceo e università è proprio quella tra dipendenza e autonomia. Al liceo infatti gli studenti sono in un regime di dipendenza dai genitori coinvolti nell’andamento del percorso scolastico. Pensa ad esempio alle pagelle o agli incontri con i professori. Gli anni del liceo inoltre sono gli anni della paghetta con cui concedersi una pizza o le uscite con gli amici. All’università tutte queste forme di dipendenza e di difesa verranno meno. La vita universitaria sarà tutta nelle tue mani, dallo svegliarti per andare a lezione fino al confronto con i docenti. Non avere più il controllo dei genitori presuppone un elevato livello di responsabilità, specie se andrai a vivere da solo e dovrai trovare un lavoro per mantenerti.

Liceo e università: come cambia il modo di studiare

Ora che abbiamo visto le grandi differenze tra liceo e università, vediamo nel dettaglio come cambia il modo di studiare all’università.

Per prima cosa pensa che non sarai più in classe con i tuoi compagni pronti a venire in tuo soccorso in caso di necessità. All’università infatti sei tu l’artefice del tuo destino e del tuo successo. Ad ogni modo, dal punto di vista dello studio, potrai relazionarti con compagni universitari ad un livello più elevato. Come? Chiedendo loro di scambiarvi dispense, appunti, consigli e pareri sugli argomenti oggetto di esame.

Altro fattore che fa la differenza tra studiare al liceo e all’università è quello dell’organizzazione tra anno scolastico e anno accademico. L’anno scolastico dura circa 9 mesi, da settembre a giugno, con pause obbligate per le festività e tre mesi circa di vacanze estive. L’anno accademico invece è suddiviso in trimestri o semestri durante i quali si frequentano i corsi dei vari docenti. Ti capiterà quindi di preparare esami in piena estate o laurearti in pieno inverno.

Anche il metodo di studio sarà differente. Come abbiamo già detto si studiano libri interi per conoscere argomenti specifici e non poche pagine di volta in volta. La mole di informazioni da studiare all’università è decisamente maggiore. Nell’arco di 3 mesi ad esempio, ti troverai a sostenere almeno 3 esami. La tua bravura sarà anche nell’organizzare la quantità di informazioni da acquisire, pianificando lo studio in base alle pagine da studiare e al tempo a disposizione.

Ora che siamo giunti al termine della nostra guida, siamo sicuri di averti dato importanti spunti per affrontare al meglio la vita universitaria. A proposito di metodo di studio, leggi anche come utilizzare gli schemi per studiare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali