informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare con la musica? Ecco perché è una buona idea

Commenti disabilitati su Studiare con la musica? Ecco perché è una buona idea Studiare a Brescia

Ogni studente ha il suo metodo di studio e di concentrazione. Ci sono studenti che preferiscono isolarsi, indossando ad esempio le cuffie isolanti da rumori esterni. Altri invece riescono a trovare la concentrazione giusta ascoltando la musica. 

Hai mai provato a studiare con la musica? Sei riuscito a concentrarti ugualmente? Su questo argomento i pareri della scienza sono contrastanti. Alcuni dati dimostrano che studiare con musica in sottofondo migliori l’attenzione e la memoria. Altri studi, al contrario, sostengono che ascoltare la musica mentre si studia non permetta di concentrarsi.

Come vedi non esiste una verità assoluta e le ricerche fatte non hanno condotto ad un risultato unico.

In poche parole sono tutti d’accordo nel sostenere che i benefici o meno della musica in sottofondo, dipendono da cosa si studia.

Per fare chiarezza, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia ha realizzato una guida per scoprire i benefici della musica durante lo studio.

Scopriamo insieme perché studiare con la musica è una buona idea.

Studiare con la musica: i benefici

Per verificare se studiare con musica in sottofondo sia una buona idea, è bene dare uno sguardo a ciò che dice la scienza in merito.

Partiamo da un presupposto importante: la musica ha un effetto positivo sulla vita delle persone. La musica ha il grande potere di migliorare l’umore, creare un clima di festa e condivisione, allontanare le amarezze della vita e farci compagnia.

C’è chi sostiene che, in una società piena di distrazioni, ascoltare musica per studiare funzioni davvero. Permetterebbe infatti di ritrovare la concentrazione e focalizzarsi sugli obiettivi.

studiare con la musica ragazza

Nonostante c’è chi ritiene che la musica sia una fonte di distrazione dallo studio, la scienza ha dimostrato i suoi effetti positivi. In particolare i benefici si sono manifestati nella capacità di fare calcoli.

Studi condotti in passato hanno dimostrato che i risultati migliori ci sono soprattutto nello studio della matematica. Studenti che hanno ascoltato musica classica con 60-70 battiti al minuto, in fase di apprendimento, avrebbero raggiunto punteggi più elevati nelle prove di matematica.

Il servizio di musica in streaming Spotify ha incaricato la Dottoressa Emma Gray, esperta di psicologia clinica e specializzata in psicologia educativa a Londra, di condurre uno studio. La ricerca ha rivelato che gli alunni hanno una resa maggiore se ascoltano musica mentre studiano.

Ecco quanto sostenuto dalla Dottoressa Gray:

“La musica ha un effetto positivo sulla mente e ascoltare il genere giusto può migliorare lo studio e l’apprendimento. La musica, infatti, può aumentare la predisposizione alla comprensione e, di conseguenza, gli studenti che la ascoltano possono ottenere risultati migliori di chi non lo fa.”

Continua affermando che:

“Per quanto riguarda discipline logiche come la matematica, la musica dovrebbe avere un effetto calmante sulla mente e aiutare la concentrazione. Per materie creative, invece, la musica dovrebbe riflettere le emozioni che uno studente cerca di esprimere”.

Stando a quanto appena citato, studiare con la musica ha i suoi benefici. 

Questo vale per tutti i generi di musica? Scopriamolo insieme!

Musica per studiare: come sceglierla

Abbiamo appena detto che studiare con la musica ha un impatto positivo sulla produttività dello studio e la resa scolastico/universitaria.

Nello specifico però gli studiosi si sono interrogati sui fattori che agiscono sulle prestazioni dello studente.

Quale genere musicale scegliere? Quale brano selezionare? Meglio una melodia di sottofondo o una canzone cantata? 

Questi fattori fanno la differenza sulle nostre prestazioni. Se siamo in presenza di un genere di musica che potremmo definire rilassante, la nostra produttività ne trarrà vantaggio.

Immagina di studiare con musica classica di sottofondo e subito dopo passare ad uno stile molto più aggressivo. Ed ancora, immagina di studiare ascoltando il tuo cantante preferito. Quasi sicuramente ti troveresti di fronte ad un brusco calo della concentrazione.

La spiegazione sta nella presenza delle parole. Ascoltare le tue canzoni preferite può avere certamente un impatto positivo sul tuo umore (fattore favorevole allo studio), ma una parte del tuo cervello si distrarrebbe.

Per questo concordiamo sull’efficacia dello studiare con la musica, a patto che si scelga la musica più adatta.

Quale musica scegliere per studiare?

Ora che sai che studiare con la musica è una buona idea, devi essere bravo a scegliere le musiche migliori.

Qualche idea?

  • La musica classica dei grandi artisti come Mozart o Chopin
  • La musica strumentale non cantata

Il nostro suggerimento è utilizzare l’app di Spotify per trovare playlist già pronte di musiche suddivise per categoria. Cerca la categoria pensata appositamente per i momenti di studio. In alternativa, crea la tua playlist personale con tutti i brani che ti aiutano a concentrarti di più e condividila con i tuoi amici.

Se sei alla ricerca di altre informazioni utili per aumentare la concentrazione ed avere una mente attiva, leggi anche come allenare la mente allo studio.

Siamo sicuri che grazie ai nostri preziosi consigli, riuscirai a superare gli esami universitari con successo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali