informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

5 Tecniche di ascolto attivo (e come praticarlo)

Commenti disabilitati su 5 Tecniche di ascolto attivo (e come praticarlo) Studiare a Brescia

Ti sei mai fermato a ragionare sulla differenza tra udire ed ascoltare? Quante volte ti sei sentito dire oppure hai detto tu stesso a qualcuno una frase del tipo “Ehi, ma mi ascolti mentre parlo?”. Tante, vero?! Bene, l’approfondimento di oggi, proposto dallo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brescia, affronterà una tematica molto interessante al riguardo.

Oggi ti parleremo dell’ascolto attivo, in particolare scopriremo cinque tecniche di ascolto attivo. Se sei un nostro studente iscritto al corso di laurea in Psicologia a Brescia, questa guida potrebbe tornarti molto utile. Al termine dell’approfondimento, ti daremo anche interessanti informazioni circa il Master in Psicologia di Unicusano, indispensabile per arricchire le tue conoscenze in materia.

tecniche di ascolto attivo psicologa

Differenza tra udire e ascoltare

Andiamo con ordine e ragioniamo prima di tutto su due concetti, udire e ascoltare. Esistono tre modalità per entrare in relazione con il mondo che ci circonda, ovvero udire, ascoltare ed ascoltare attivamente. Ogni modalità richiede un livello diverso di coinvolgimento.

Che differenza c’è tra udire e ascoltare?

Udire è il semplice fenomeno fisico per il quale la nostra capacità sensoriale ci consente di percepire un suono. Possiamo udire il fischio del treno in arrivo, il vociare per strada, il clacson di una macchina. Quando udiamo un suono non siamo chiamati a soffermarci per distinguerlo e capirne il senso.

Ascoltare invece richiede attenzione rispetto a ciò che un interlocutore sta esprimendo direttamente o indirettamente proprio a noi.

Risulta abbastanza naturale a questo punto riflettere su una seconda differenza, quella cioè tra ascolto passivo e ascolto attivo.

Quando ascoltiamo la musica o accendiamo la TV mentre facciamo le pulizie di casa, ad esempio, il nostro è un ascolto passivo. Non entriamo in contatto con un interlocutore. In questi casi, percepiamo i suoni senza prestare attenzione. Più che ascoltare, stiamo sentendo “qualcosa”.

Al contrario, l’ascolto attivo va ben oltre la condizione di ascolto in silenzio. Nel caso di ascolto attivo siamo tenuti a comprendere ciò che ci viene detto ed anche a rielaborarlo.

Cos’è l’ascolto attivo?

Entriamo finalmente nel cuore della nostra guida, scopriamo cos’è l’ascolto attivo e quali sono le tecniche di ascolto attivo che possiamo praticare.

Cosa significa ascoltare attivamente?

Ascoltare attivamente è un’arte che ci permette di entrare in relazione con l’altro e comunicare. Si tratta di uno strumento fondamentale della psicoterapia e delle relazioni d’aiuto. A comprenderne l’importanza sono stati i promotori della cosiddetta Psicologia Umanistica, una branca della psicologia basata sul principio dell’attenzione alla persona a 360 gradi, con l’obiettivo di valorizzarne il potenziale latente in un’ottica di piena realizzazione di sé.

Le tecniche di ascolto attivo che vedremo tra poco si fanno risalire in particolare allo psicologo statunitense Thomas Gordon. Gordon fu prima allievo e poi collaboratore di Carl Rogers, teorico della Comunicazione Efficace, un sistema di lavoro con le persone volto a creare e mantenere relazioni efficaci e a ridurre i conflitti.

Nell’ascolto attivo vengono coinvolti tutti i sensi: sensibilità, intuizione, attenzione, intelligenza, comprensione, empatia.

Data la sua importanza, l’ascolto attivo ricopre un ruolo speciale anche nelle relazioni quotidiane e non solo nella psicoterapia, in quanto permette contatti autentici tra le persone.

Caratteristiche dell’ascolto attivo

L’ascolto attivo deve essere:

  • empatico, poiché mira a creare un rapporto di fiducia attraverso la comprensione degli stati d’animo
  • reattivo, poiché l’ascoltatore è portato ad inviare feedback all’interlocutore ottenendo così maggiori informazioni
  • selettivo, poiché l’ascoltatore deve ottimizzare il processo di comunicazione individuando gli argomenti effettivamente rilevanti e portare l’interlocutore a concentrarsi su questi.

tecniche di ascolto attivo seduta psicologa

Tecniche di ascolto attivo: 5 tecniche da praticare

Iniziamo finalmente a parlare delle tecniche di ascolto attivo. Si tratta di tecniche basilari da praticare in relazione agli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Vediamo quali sono le 5 selezionate da Unicusano.

Tecnica del silenzio attivo

Quando si pratica la tecnica del silenzio attivo, una volta che l’interlocutore termina di parlare, l’ascoltatore sceglie volontariamente di non intervenire. In questo modo consente all’altro di riflettere su quanto ha appena affermato. L’interlocutore percepisce il silenzio dell’ascoltatore in maniera incoraggiante e tenderà a riflettere e a fornire maggiori informazioni per chiarire il suo pensiero.

Attenzione a non esagerare con pause e silenzi troppo lunghi. L’interlocutore potrebbe vivere con imbarazzo tale silenzio e provare uno stato di ansia.

Tecnica del rispecchiamento empatico

Per la precisione si tratta di un gruppo di tecniche che consistono in interventi che non interpretano mai le parole dette dall’interlocutore.

In pratica l’ascoltatore rimanda all’interlocutore dei segnali che, come veri e propri specchi, riflettono ciò che egli ha appena detto, senza alterare la costruzione del discorso o la situazione psicologica in cui esso avviene.

Le tecniche di rispecchiamento sono strumenti di rinforzo del sé dell’altro. Hanno infatti il potere di creare un clima socio-affettivo caloroso e rassicurante. Tale clima consente alla persona che sta parlando di ricevere continui feedback che lo inducono a riflettere su di sé, sulle affermazioni ed i pensieri espressi. L’interlocutore si sente realmente ascoltato ed accettato.

Tecnica del riepilogo

Tra le tecniche di ascolto attivo, precisamente del rispecchiamento empatico, troviamo la tecnica del riepilogo.

Si tratta di una tecnica utile se l’interlocutore si dilunga nei dettagli e racconta elementi non necessari. In questo modo, senza esprimere giudici o intolleranza, l’ascoltatore attivo ed attento, fa un riepilogo del discorso, evidenziando gli elementi salienti.

L’ascoltatore rimanda a specchio la sua disponibilità ad accogliere, ma anche ad agevolare la persona che parla nel dare priorità agli elementi del discorso.

Tecnica della riformulazione come parafrasi

La tecnica della riformulazione come parafrasi è la principale tecnica di rispecchiamento. In pratica l’ascoltatore ripete, con altri termini, quanto ha raccontato l’interlocutore, collegandosi a qualcosa di effettivamente detto.

Solitamente la riformulazione avviene con frasi tipo:

“Dunque, lei vuole dire che…”

“In altre parole, lei sta affermando che…”

Lo scopo è portare l’altro a fare una riflessione sul proprio pensiero in modo da verificarne la veridicità e la razionalità.

La tecnica della riformulazione semplice

Ultima tecnica di ascolto attivo che andiamo ad analizzare è quella della riformulazione semplice. Utilizzando sempre la formula del tipo “mi stai dicendo che…”, l’ascoltatore utilizza le stesse parole dell’interlocutore.

Una tecnica molto semplice, ma interessante per entrambe le parti.

L’interlocutore si sente come messo di fronte ad uno specchio e può riflettere sull’immagine che sta offrendo di sé all’altro, sul piano anche della sincerità e della chiarezza.

L’ascoltatore mette alla prova le sue capacità di ascolto ed attenzione.

Ricorda che un buon ascoltatore attivo è una persona dotata di assertività: capace non solo di esprimersi in modo corretto, ma anche abile nel sapere ascoltare l’altro.

Il Master in Psicologia di Unicusano

Chiudiamo la nostra guida alle tecniche di ascolto attivo, con qualche informazione utile circa il Master in Psicologia di Brescia, disponibile in modalità e-learning.

Il Master è l’occasione per perfezionare e valorizzare le proprie attitudini e conoscenze in questo settore attraverso una preparazione approfondita e in linea con le esigenze del mercato del lavoro.

Per maggiori informazioni, compila il modulo di contatto.

Inoltre, se sei un appassionato della materia, leggi anche il nostro approfondimento sul counseling relazionale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali